6 cose da sapere subito per aumentare l’autostima

Sharing is caring ! :-)
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Tempo di lettura stimato: 4 minuti e 19 secondi
Ti è mai capitato nella tua vita di non sentirti all’altezza di alcune situazioni o persone?
Quante volte hai dubitato delle tue capacità, preferendo rinunciare piuttosto che combattere i tuoi pensieri limitanti?
Beh, che tu ci creda o meno, il senso di insicurezza e di inadeguatezza, e la scarsa autostima, sono così diffusi che è davvero raro incontrare qualcuno che ne sia totalmente immune.
Soprattutto ai nostri giorni, con l’avvento di internet e dei social network, ci troviamo a confrontarci quotidianamente con il mondo intero.

Come possiamo sperare di sentirci bravi, capaci e utili se esiste sempre qualcuno, da qualche parte nel mondo, che ci supera in tutto?
Eppure l’autostima è la base del nostro benessere, poiché senza di essa siamo incapaci di agire, non riusciamo a completare un compito, a trovare un lavoro… figuriamoci a creare o mantenere una relazione sentimentale!

Ora la vera domanda è:

  • E’ proprio così difficile avere fiducia in se stessi? Esiste un modo per riuscire ad aumentare l’autostima?

Si, esiste eccome… e non è neppure troppo difficile: basta evitare di fare alcune cose.

Il più delle volte infatti, siamo noi stessi a sabotarci di continuo, minando la nostra autostima.

Vedi: Come individuare e disinnescare le tue credenze auto sabotanti

Quando siamo bambini la nostra autostima è altissima. Siamo sicuri, sbagliamo e cadiamo ma ci rialziamo sempre, senza preoccuparci di ciò che gli altri pensano di noi. Poi, verso i 6 anni, impariamo un concetto molto utile, ma anche pericoloso: la teoria della mente.
Siamo cioè in grado, da questa età in poi, di immaginare ciò che gli altri pensano. È una buona cosa, perché ci permette ad esempio di sapere cosa dire per non offendere nessuno, cosa fare per avere un regalo e così via. Ma ci espone anche al rischio di dubitare di noi stessi.

E allora cosa possiamo e dobbiamo fare per sfuggire a questa trappola pericolosa?

Ecco 6 cose da tenere sempre a mente per aumentare l’autostima

Se ti interessa approfondire questo aspetto, nella videolezione numero 8 del nostro corso online GRATUITO “30 giorni per la tua trasformazione personale“, apprenderai in maniera più specifica alcune strategie efficaci per portare la tua autostima alle stelle

1°- NESSUNO HA TEMPO PER GIUDICARTI.

Ricorda che gli altri hanno sempre un’idea sbagliata di noi, a prescindere dal nostro comportamento. Non ci conoscono, quindi possono solo giudicare le apparenze: non importa cosa facciamo (ovviamente se non infrangiamo regole comuni come girare nudi sul bus o prendere a schiaffi chiunque ci attraversi la strada). Nessuno ha tempo da perdere per giudicare a lungo uno sconosciuto. Possono voltarsi verso di noi, ma subito dopo ci hanno già dimenticato.

A questo punto ti chiedo:

Ha davvero senso preoccuparsi del giudizio di queste persone…?

2°- IL MONDO E’ BELLO PERCHE’ E’ VARIO.

Ci sono tanti talenti, abilità, capacità e tutti siamo migliori in qualcosa e allo stesso tempo peggiori in un’altra. I migliori atleti sono spesso mediocri oratori, i più abili politici non sanno cantare e i cantanti in vetta alle classifiche hanno spesso difficoltà nello sport. Questo per dire che anche i migliori in genere lo sono in un solo campo.

E voi come vi giudicate…?

Posted by Bluemindsfactory on Martedì 9 giugno 2015

Certo che se mi confronto con un modello per l’aspetto, con una ballerina nella danza e con un pittore nel disegno uscirò sempre perdente, ma qui si parla di persone che hanno fatto di quella scelta la loro vita. Se voglio misurarmi con loro devo farlo alle stesse condizioni, magari in un campo in cui non sono maestri o quando erano all’inizio della loro sfolgorante carriera.
3°- TUTTI PARTONO DAL BASSO.

Un errore che fanno in tanti è proprio quello di misurarsi con persone che hanno già successo, facendosi schiacciare da esso. Come un ragazzino che a bocca aperta osserva il cantante del momento e pensa “io non ce la farò mai!”. Il calcolo errato che si fa in questi casi è di pensare che quello sul palco faccia tutto in poco tempo, che per lui sia un “dono” e che quindi è imbattibile. Esistono anche casi simili, ma sono meno dell’1% del totale. Gli altri si sono allenati, impegnati, esercitati prima di riuscire, e hanno sempre avuto qualcuno migliore e superiore.
4°- NESSUNO E’ SEMPRE AL MASSIMO.

Anche i migliori hanno momenti negativi, la differenza con gli altri è che hanno tenuto duro più a lungo. Non pensiate che un famoso cantante non abbia mai avuto giornate in cui avrebbe voluto gettare volentieri tutto alle ortiche! I momenti brutti passano, quando siamo in una fase che non gira è inutile confrontarsi con i nostri rivali. Questo è anzi il momento migliore per fare una pausa o, se non è possibile, per capire come migliorarsi, senza continuare a ritenersi dei perdenti. Ci son passati tutti, anche i campioni!
5°- SBAGLIANDO SI IMPARA.

Il nostro cervello è un organo eccezionale, ma il modo migliore che ha per imparare è da sempre solo uno: sbagliare.

Gli errori sono un passaggio obbligato…

Posted by Bluemindsfactory on Martedì 9 giugno 2015

Certo, se non abbiamo un insegnante alcuni compiti non ci riusciranno mai (sfido chiunque a costruire un computer senza avere nessuna nozione di elettronica né un insegnante di qualche tipo, solo andando a tentativi!) ma anche così dobbiamo metterci in testa che l’errore è inevitabile.

Non lo ricordiamo più ormai, ma da bambini abbiamo sbagliato migliaia di volte solo per riuscire ad alzarci in piedi e a mettere i piedi uno davanti all’altro. Questo però non ci ha impedito di camminare. La differenza era solo in noi: eravamo sicuri, vedendo i genitori, che anche noi ce l’avremmo fatta, a forza di insistere. Oggi invece spesso si parte con il concetto opposto, cioè “tanto non ce la farò mai”. Fai una prova qualsiasi, parla, cammina, anche solo il fatto di leggere quel che ho scritto sono dimostrazioni evidenti che quando ti applichi i risultati li ottieni.

6°- TIENI A MENTE L’OBIETTIVO.

Uno dei motivi più facili per cui si perde autostima è che non la si ritiene importante. Come ho detto, a 6 anni abbiamo il primo vero calo di sicurezza. Siamo piccoli, pressoché incapaci in tutto e gli altri sono più bravi di noi. Questo è normale, come è ovvio esserne spaventati. Spesso siamo consolati dagli altri per questo, e alcuni finiscono per credere “va bene, se anche non sono sicuro c’è chi si occupa di me”. Ma questo è un errore molto grave! A 6 anni è una cosa scontata, ma non vale più quando siamo adulti. L’autostima ci serve per andare avanti e ottenere ciò che vogliamo. Abbiamo tutti dei sogni, siamo disposti a rinunciare ad essi perché ci convinciamo di essere incapaci?

Questo breve elenco, dovrebbe averti fatto riflettere su alcune cose che facciamo a volte tutti i giorni, e che finiscono per procurarci solo problemi.
Per fortuna l’autostima non dipende dall’esterno, non dipende da cosa sappiamo davvero fare e neanche dalle nostre reali capacità. Dipende solo da ciò che preferiamo credere, si basa del tutto su una nostra scelta. Dobbiamo solo credere di essere capaci, e come per magia lo saremo. Come un bambino che impara a stare in piedi.

E tu, a cosa preferisci credere?

Scrivilo nei commenti qui sotto. Sarò felice di leggere e risponderti.

Infine, prima di andare, non dimenticare di condividere questo articolo con i tuoi amici sui social, attraverso le apposite icone di sharing.

Ti è piaciuto l’articolo? Clicca qui per iscriverti a questo blog e ricevere subito il tuo primo omaggio.


Sharing is caring ! :-)
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •