Invidia: come superarla (imparando) e come difenderci da chi invidia noi

Sharing is caring ! :-)
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Tempo di lettura stimato: 3 minuti e 58 secondi
L’invidia è un sentimento più che naturale nell’uomo.
L’impulso del desiderio è quello che ci fa andare avanti nella vita: desiderare di migliorare la nostra situazione personale o lavorativa è il primo passo che ci permette di attivare le nostre risorse, di trovare le strade, di porci degli obiettivi e di raggiungerli.

Spesso i nostri desideri nascono proprio dal confronto con altre persone, che possiamo prendere come “modelli” per tracciare il nostro personale percorso.
Ed è normale nutrire ammirazione e un’invidia “sana” per queste persone, che con il loro esempio ci danno lo stimolo per agire, per muoverci verso un obiettivo, sapendo che qualcun altro già ce l’ha fatta!
Grazie a modelli positivi, e modulando le nostre mosse secondo quello che è la nostra specifica natura, la “sana” invidia non è da combattere ma, anzi, è un sentimento che ci aiuta e ci motiva.
A volte invece l’invidia diventa un sentimento non solo inutile per noi, ma deleterio, ci crea sofferenza, ci blocca nella nostra crescita anziché motivarla, ci rende astiosi e ci porta a esprimere il peggio di noi.

Tuttavia, allo stesso modo in cui è possibile gestire la propria rabbia e imparare da questa, è possibile fare altrettanto con l’invidia.

Nello specifico, come possiamo superare questo blocco e questo rancore, e usare solo dell’invidia la sua energia positiva?

Ecco 2 facili step per combattere l’invidia negativa nei confronti di qualcuno.

1- FATTI LE DOMANDE GIUSTE.

Uno degli strumenti in assoluto più potenti al mondo per gestire gli stati d’animo sono le domande. Imparare a farti le domande giuste non solo ti permetterà di uscire rapidamente da situazioni difficili, ma ti permetterà di ottenere il massimo insegnamento da queste ultime.

Ora prova a pensare alla persona per la quale nutri invidia e rispondi con sincerità a queste domande:

  • Mi metterei davvero nei suoi panni? …Completamente nei suoi panni?
  • Farei cambio col suo corpo, la sua età, la sua famiglia, il suo lavoro, i suoi impegni, le sue responsabilità, insomma baratterei completamente la mia vita con la sua?
  • Vorrei aver vissuto completamente tutte le difficoltà che ha attraversato questa persona durante la sua esistenza, e aver sperimentato tutte le ferite, i dubbi i traumi che hanno fatto sì che sia diventata ciò che è adesso o che abbia avuto il successo che ha adesso?
  • Conosco davvero bene questa persona tanto da poterla invidiare per qualcosa che ha o che è?

Prova a chiederti, ogni volta che invidi qualcuno per un successo o per una qualità, o per quello che possiede, qual è stato il percorso di vita che l’ha forgiato, che ha fatto sì che raggiungesse i suoi traguardi, casomai è stato un percorso duro, difficile, costellato da traumi, lutti, difficoltà, ferite, dolori.
Oppure a fronte di ciò per cui stai invidiando questa persona, e che tu non possiedi, cerca di comprendere se esistono altri motivi per cui non faresti mai a cambio della tua vita con la sua.

A questo punto provi ancora la stessa invidia di prima, o il sentimento si è ridimensionato?
Può darsi che sia nata invece una sorta di ammirazione per tutto ciò che questo individuo ha affrontato e superato, per quello che ha raggiunto e che porta avanti, e uno stimolo ad emularlo.
Oppure semplicemente l’invidia “malata” di prima si sarà dissolta, e tu tornerai con lo sguardo alla tua vita, alle tue sfide vinte, al tuo percorso, che in fondo non è male, e soprattutto è tuo!

Ora facciamo un altro passo avanti e andiamo ad analizzare quando è sorta questa invidia e che messaggio ha per noi. Quindi…

2- FOCALIZZATI SU TE STESSO.

Ora focalizzati su te stesso, il tuo passato e il momento che stai vivendo, e rispondi alle seguenti domande:
  • Cosa c’è dietro questo sentimento che sto provando?
  • Deriva forse dal rammarico per non aver proseguito su un percorso che desideravo, per non essere riuscito a raggiungere un obiettivo?
  • Sento di non avere il coraggio di mettermi in gioco e di migliorare me stesso o la mia situazione di vita?
  • Oppure mi pongo obiettivi che so essere al di là della mia portata, per adeguarmi a modelli sociali che in realtà non mi appartengono?

Dietro l’invidia c’è sempre un insegnamento, un messaggio, c’è una soglia da superare, qualcosa di importante da imparare per andare oltre i nostri limiti o le nostre convinzioni limitanti.

La gelosia per il successo degli altri può innescare una ricerca dentro di noi, per chiarire chi siamo e cosa vogliamo, e per permetterci di superare il vittimismo e l’autocondanna e agire in modo più libero.
La persona che invidiamo potrebbe diventare anche la nostra migliore amica (perché casomai ha tanto da insegnarci), potrebbe mostrarci dei lati di noi che non conosciamo, e per questo va ringraziata.

Quanti amici veri hai?Scrivi il numero esatto qui sotto e metti “Mi piace”

Posted by Bluemindsfactory on Venerdì 21 agosto 2015

E comunque ricorda che puoi sempre usare la legge di attrazione per raggiungere qualsiasi risultato.
Se imparerai a gestire le tue emozioni e restare focalizzato sui tuoi obiettivi, vedrai che tutto ciò che desideri si manifesterà ai tuoi occhi senza troppe difficoltà.

Veniamo ora alla situazione opposta.
Come ci sentiamo quando siamo circondati da persone che invidiano noi?
Ad esempio nell’ambiente lavorativo, quando la nostra posizione suscita le gelosie dei colleghi, o anche semplicemente nel circuito degli amici e dei conoscenti.
L’invidia ricevuta ci provoca una sensazione spiacevole, non ci permette di godere fino in fondo di ciò per cui veniamo invidiati, può farci sentire addirittura in colpa, o al contrario, accrescere la nostra rabbia nei confronti degli invidiosi soprattutto se riteniamo quella invidia del tutto ingiustificata!

Ecco come difenderci dall’invidia negativa degli altri.

Pensa alla persona o alle persone che senti ti stanno invidiando, e tenendo conto delle riflessioni fatte nel punto precedente, rispondi alle domande seguenti.
  • Quanto dell’invidia che provano per me deriva da motivazioni che riguardano in realtà solo loro stessi?
  • Quanto è triste la loro situazione finché non si renderanno conto dell’effetto negativo del rancore che provano per gli altri, e non cominceranno ad ascoltare i messaggi dell’invidia, come invece sto cominciando a fare io?
  • Ha senso che io metta in discussione ciò che ho raggiunto sentendomi in colpa o coltivando a mia volta rabbia verso chi è geloso dei miei successi?

Possiamo anche usare qualche accorgimento per limitare il sorgere stesso dell’invidia, ad esempio rinunciando a informare a tutti i costi gli amici meno fortunati dei nostri acquisti o dei nostri successi, oppure evitando di ostentare oggetti materiali, per non cadere nella tentazione, umana anche questa, di ricevere soddisfazione proprio dal fatto di suscitare l’invidia degli altri!

Lasciamo agli altri la responsabilità dei loro sentimenti, e facciamo luce sui nostri, con fermezza ma con comprensione e benevolenza per il nostro “essere umani”.

Prima che tu vada, due domande per te:

Secondo la tua esperienza personale, cos’è in particolare che suscita la tua invidia nei confronti di qualcuno?
In che modo fino ad oggi ti sei difeso dall’invidia degli altri?

Scrivilo nei commenti qui sotto. Sarò felice di leggere e risponderti.

Infine, se pensi che questo articolo possa essere utile anche agli altri, condividilo sui social attraverso le apposite icone di sharing.

Ti è piaciuto l’articolo? Clicca qui per iscriverti a questo blog e ricevere subito il tuo primo omaggio.


Sharing is caring ! :-)
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •